Vuoi acquistare una pompa di calore per la tua casa? Controlla il COP!

Perchè è importante il coefficiente COP?

Per avere il massimo benessere dentro casa sono importanti alcuni fattori, tra cui la temperatura e l’umidità. La giusta differenza tra l’ambiente interno ed esterno permette di evitare malesseri come la secchezza alla gola. Diventa essenziale avere un sistema di riscaldamento in grado di mantenere la temperatura costante durante tutto l’anno. La pompa di calore è la perfetta risposta a questa esigenza: un unico dispositivo per climatizzare casa in inverno ed estate. Inoltre, abbinata ad un accumulo termico, può anche produrre l’acqua calda sanitaria. I vantaggi della pompa di calore non finiscono qui: assicura anche un notevole risparmio economico sui costi delle bollette. Per avere tutto ciò bisogna scegliere il modello giusto. Uno dei parametri da considerare è il Coefficiente di Prestazione (COP), un semplice numero che indica quanto è efficiente la macchina.

Da cosa dipende il COP?

Il punto di forza della pompa di calore è l’utilizzo di fonti rinnovabili per riscaldare. Il 75% del calore viene prodotto partendo da elementi naturali e gratuiti. Le più diffuse sono quelle che utilizzano l’aria mentre le più efficienti sono le geotermiche che prelevano il calore dal sottosuolo. La pompa di calore ha un ciclo di funzionamento simile a quello del frigorifero ma inverso. Estrae il calore dalle fonti esterne ad un edificio, lo trasforma all’interno del generatore e lo immette negli ambienti domestici. È un vero e proprio scambio termico tra due fonti di calore con temperature diverse. Il COP è il parametro che indica l’efficienza di questo scambio.

Quale valore per il COP?

Le odierne pompe di calore elettriche hanno un COP intorno a 5. Vuol dire che per ogni kW di energia elettrica consumato per funzionare, restituisce 5 kW di energia termica sotto forma di calore. La gran parte di questi kW termici sono generati dalla sorgente rinnovabile, questo spiega perché la pompa di calore riduce i costi in bolletta per il riscaldamento. Nel periodo estivo basterà invertire il ciclo di funzionamento per avere aria fresca in casa. Il calore viene prelevato dall’aria calda dentro casa e immesso all’esterno, in modo da abbassare la temperatura interna. È identico al ciclo del frigorifero. Anche per misurare l’efficienza del raffrescamento viene utilizzato un parametro numerico simile al COP, il EER. In questo caso il rapporto è tra i kW elettrici in ingresso e quelli di fresco generato. Ci sono poi altri fattori importanti da considerare prima di acquistare una pompa di calore, come i decibel che attestano la silenziosità del macchinario.

Qualora vogliate approfondire l’argomento, ho trovato molto interessante questo articolo sul coefficiente COP.

Poltrone reclinabili: la miglior soluzione per anziani e disabili

Le poltrone reclinabili sono ideali per le persone anziani o che comunque hanno problemi di mobilità. Ma non solo perché oggi ci sono molte persone che le comprano semplicemente per avere una comoda seduta per rilassarsi e svolgere attività ludiche. E’ ideale anche per chi vuole leggersi comodamente un libro, o guardare la televisione.
Questo tipo di poltrone possono essere posizionate sia in salone che in camera da letto perché si ha la facoltà di scegliere tra diversi tipi grandezza e di design. Le poltrone reclinabili, quindi, si adattano ad ogni tipo di arredamento.
Ci sono principalmente due tipologie di poltrone reclinabili, ovvero, manuali ed elettriche. La prima naturalmente non è costituita da motori, ma ci sono dei pulsanti meccanici. Le poltrone elettriche, invece, possono avere da uno a più motori che si azionano per mezzo di un telecomando. Con le poltrone reclinabili elettriche il movimento dell’alzapersona, del poggiapiedi e dello schienale è molto più agevole.

Le poltrone reclinabili si possono posizionare in tre modi diversi, c’è la posizione in cui si ha lo schienale reclinato e il poggiapiedi alzato; poi si può avere lo schienale dritto e il poggiapiedi sollevato; e la classica seduta con lo schienale dritto e il poggiapiedi abbassato ideale per guardare la televisione. La comodità delle poltrone reclinabili sta principalmente nel fatto che si possono cambiare le posizioni anche quando ci si è già seduti sopra tramite, appunto, il telecomando se si tratta di una poltrona elettrica o tramite i pulsanti, che solitamente si trovano posizionati sul bracciolo, per quanto riguarda le poltrone manuali.

Per quanto riguarda la poltrona reclinabile elettrica, essendo provvista di motori ha anche la funzionalità di sollevamento che comunemente viene chiamata “lift”. Questo sistema elettrico di sollevamento è pensato per agevolare i movimenti di alzata e seduta, che è appunto adatto per le persone disabili o anziane che hanno problemi a muoversi e che, dunque, non possono sforzare gambe, braccia e anche la schiena. Inoltre grazie ai motori si possono uniformare i movimenti di alzata e seduta, ovvero, farli muovere contemporaneamente. Oppure farli muovere anche in maniera indipendente.
Quando si va a comprare una poltrona per anziani è bene tenere conto di alcuni aspetti, perché se non si segue nessun criterio si rischia di acquistare una poltrona che non possiede le caratteristiche adeguate. Prima di tutto si consiglia di fare attenzione allo spazio che si ha a disposizione; per molti è importanti anche rispettare il tipo di arredamento, cercando di dare una sorta di continuità, ma ci sono anche altri che invece sono interessati più alla comodità.

Per questo è fondamentale provarla in prima persona perché la comodità è assolutamente soggettiva. Al momento dell’acquisto bisogna avere ben chiaro in mente di cosa si ha bisogno, ad esempio, se è per una persona anziana che ha delle esigenze specifiche. Perciò in base all’utilizzo che se ne andrà a fare potrà essere più consona o una poltrona reclinabile elettrica a uno o più motori oppure una poltrona reclinabile manuale. Importantissima è anche la dimensione della poltrona, e il rivestimento. Di poltrone reclinabili ce ne sono di diverse tipologie si va dai modelli classici a quelle con il design moderno. Naturalmente c’è anche l’ampia scelta sui colori che vanno da quelli più neutri a quelli più squillanti. Da non trascurare il rivestimento, a molti potrebbe sfuggire, ma è determinante per raggiungere il giusto comfort. Ci sono, ad esempio, poltrone reclinabili in tessuto, in pelle e in ecopelle. Ma per chi è in cerca di un tessuto pratico e che si possa lavare si può optare per un rivestimento traspirante e sfoderabile.
Ci sono poltrone reclinabili alzapersona create per persone obese. Riescono a sostenere fino a 200 kg. Dunque queste poltrone sono munite di motore elettrico rinforzato e naturalmente di una seduta più larga. Inoltre il poggiagambe, i braccioli e anche il poggiatesta sono prodotti con un più intenso rivestimento per garantire un livello maggiore di comodità.

Lavorare da casa e guadagnare con il Cashback

lavorare da casa

Il termine Cashback, si può tradurre come “rimborso”, ossia, una volta che si avrà effettuato un acquisto si riceverà una parte di denaro, che potrà essere utilizzata dal cliente come credito per effettuare altri acquisti sia presso lo stesso rivenditore, o sia verso altri commercianti, l’importante è che facciano parte del programma di Cashback. Continua la lettura di “Lavorare da casa e guadagnare con il Cashback”